Guarda, guardate qui il femminismo… abracadabra non c’è più! – di Daniela Danna

Per invito alla lettura Daniela Danna ci fa un grande favore leggendo per noi il libro di Cinzia Arruzza, Tithi Bhattacharya e Nancy Fraser: Femminismo per il 99%. Un manifesto (ed Laterza 2019). Ci risparmia così di incappare nell’ennesimo calambour accademico di “giovani studiose” confuse più che mai – forse è proprio attraverso la confusione che ci stanno governando adesso – che buttano senza conoscerlo il femminismo di 40 anni…  dunque stavolta il “buona lettura!” lo lasciamo per la recensione di Daniela 😉

la RECENSIONE LA LEGGI QUI>>>

Condivi su:

Un commento su “Guarda, guardate qui il femminismo… abracadabra non c’è più! – di Daniela Danna”

  1. È insopportabile sporgersi su questa falsa realtà. E’ questo il prezzo che paghiamo per uno sviluppo evolutivo della sola parte corticale. Il pensiero astratto si limita a essere un mero esercizio della mente che può volare a suo piacimento fino a perdersi nell’irrealtà.
    Il dimorfismo sessuale è un dispositivo biologico necessario all’evoluzione dei viventi e ogni sua variazione sul tema vale quanto uno scarabocchio su un foglio bianco alla luce della gravidanza della vita eterna.
    La vita procede per prove ed errori e a noi tocca rispettarne il senso, anche se idealmente ci piacerebbe sentirci tutti uguali, donne e uomini, anche se non lo siamo. Possiamo per eccesso di umanità confonderci le idee sulla identità sessuale, ma dobbiamo conservare la coscienza che è solo una confusione mentale e che può servirci per sentirci meglio ma non per farne un elemento di distrazione. La Vita Eterna non si lascia incantare e ci fa pagare caro ogni atto di disubbidienza al suo ordine di senso.
    La rivoluzione in corso riguarda l’ordine simbolico generato dall’essere donna e non dalle sue variazioni sul tema.
    Il risveglio delle donne non nasce da una semplice presa di coscienza della Differenza Femminile, ma dal risveglio del Corpo Femminile e della sua potenza creatrice.
    Questa potenza è di natura innata e non basta la tecnologia a fare di un corpo umano un Corpo Femminile.
    Il Femminismo lo racconta attraverso parole incarnate in corpi di donna. Tutti i giochi delle tre carte finiscono su un binario morto dal punto di vista evolutivo della specie.
    Grazie per questa recensione che ci illumina sull’arbitrio di una ricerca che porta fuori pista.

Lascia un commento

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi